Archetipo del criminale: Il Saggio [BLOGTOUR “GLI SCOMPARSI” DI ALESSIA TRIPALDI]

ARTICOLO SCONSIGLIATO AD UN PUBBLICO SENSIBILE

Lista Blog tour:
5 Agosto – Cronache di Lettrici Accanite
6 Agosto – Erre and the books
7 Agosto – The enchanted library
8 Agosto – Il labirinto dei libri
10 Agosto – Ilaria di consiglia un libro
11 Agosto – Herik Sigurd
12 Agosto – Catillbooks
13 Agosto – Red Kedi

14 Agosto – REWIEV PARTY!

Il Saggio – La figura di Charles Manson e le stragi hollywoodian di fine anni 60′

Presentazione Blog Tour

Il blog tour su “Gli Scomparsi” di Alessia Tripaldi nasce per diversificare, approfondire e per fare un excursus sui diversi archetipi del mondo criminale.
Il Blog Tour è organizzato da Ylenia/Nia di Cronache di Lettrici Accanite che mi ha dato una quest da compiere!
Detto così sembra che io debba andare a Hrothgar Alto per incontrare i Barbagrigia, ma insomma avete capito!
Ylenia mi ha dato il compito di fare un approfondimento su un archetipo piuttosto famoso nella nostra epoca e nelle epoche precedenti: Il Saggio.
Negli anni molti efferati criminali hanno assunto questo ruolo, come Charles Manson durante l’epoca dei figli dei fiori oppure, in anni più recenti, le Bestie di Satana.


Caratteristiche

Chi sono I Saggi? Beh, diciamo che se vogliamo usare descrizione riduttiva possiamo dire che I Saggi sono dei leader, dei capi branco e degli Alpha.
Come ho detto è una descrizione riduttiva, con la parola “leader” si possono intendere dei semplici boss della malavita o dei capi banda, ma Il Saggio è una figura estremamente diversa.
Guardiamo il caso di Charles Manson: lui non si faceva vedere solo come un leader carismatico, ma proprio come una sorta di “Messia” venuto tra i mortali per “salvare” coloro che lo seguivano. Manson aveva avuto la capacità, nell’era dei figli dei fiori, di radunare un gruppetto di persone facilmente manipolabili, spesso dei rinnegati dalla società.

Manson ebbe la capacità di inebriare tutte le persone con le idee surreali, come la sua visione assurda di “Helter Skelter”, una delle canzoni dei Beatles.
Quindi Il Saggio riveste in molti casi il ruolo di santone che intorno a se crea un gruppo di persone, una vera è propria famiglia. Il Saggio spinge spesso i propri seguaci a commettere dei crimini, crimini molto feroci, come nel caso di Manson.
Quest’ultimo ebbe anche la capacità di coinvolgere nei suoi crimini persone famose come Sharon Tate, famosa attrice hollywoodiana, all’epoca sposata con il regista Roman Polansky, che finì uccisa in un brutale ed efferato omicidio.
Il Saggio è una persona capace di creare un’idea, spesso queste idee sono basate su fondamenti religiosi, che sia forte e faccia spera totale presa sugli adepti. Quindi si tratta di un processo in cui i seguaci perdono ogni loro concezione e abbracciano la filosofia del guru di turno, così tanto da essere completamente manipolabili.
Quindi si ritorna a Manson che riusci a instillare in un gruppo di figli dei fiori idee naziste, xenofobe e addirittura sulla fine del mondo. Cosa che con la filosofia dei figli dei fiori e del 68’ non c’entra nulla.
In realtà possiamo anche guardare al nostro paese, all’Italia, e alla setta delle Bestie di Satana, colpevoli di crimini efferatissimi nei confronti di tanti ragazzi.
Quest’ultimi, come i seguaci di Manson, erano ragazzi disagiati che nella Setta hanno trovato una famiglia su cui contare.

Il Saggio non è solo carismatico, ma anche intelligente nel capire dove trovare persone indifese da poter indottrinare al proprio credo e anche al rifiuto della società moderna. Egli non convince gli altri con la violenza, ma facendo sentire importanti persone che si ritrovano perse all’interno della società. Per questo Manson trovò campo libero nella generazione dei figli dei fiori, una generazione di ragazzi che stava sfuggendo al controllo dei genitori.
Quindi questi Saggi sono dei pazzi criminali? Se volete essere confortati potrei dire che sì sono pazzi furiosi, totalmente matti!
La risposta è un’altra. No, ed è quei che la cosa fa più paura.
Sono persone che analizzano la situazione e sanno dove fare presa, come dei lupi che trovano il punto debole dove attaccare la preda.
Anzi dire che erano folli li giustifica, è dalle persone normali che spesso nasce la malvagità più crudele.
Come nella storia di un normale pittore austriaco, che diventò uno dei più feroci criminali di guerra.

Eccidio di Cielo Drive

Uno degli episodi criminosi compiuti dagli adepti di questi mandanti, Manson in questo caso, è stato l’eccidio di Cielo Drive dove perse la vita Sharon Tate, incinta di Roman Polansky, e alcuni dei suoi amici.
I fautori della strage di Cielo Drive (Susan Atkins, Charles Watson, Patricia Krenwinkel) erano tutti membri della Manson’s family.
I tre fecero irruzione nella casa di Tate e Polasky a Cielo Drive, dove in quel momento stavano l’attrice e alcuni suoi amici; Jay Sibring, Wojciech Frykowski e Abigail Folger.
Quando entrarono iniziò l’eccidio. Wojciech Frykowski venne picchiato e quando tentò di scappare venne preso a colpi di proiettile, pugnalato cinquanta volte e finito con altri due colpi di pistola. Anche Abigail Folger tentò di fuggire, ma venne catturata e morì dopo ventotto pugnalate.
Jay Sibring venne catturato e legato insieme a Sharon Tate, egli implorò affinché gli assassini risparmiassero la vita della ragazza incinta e venne ucciso.
La Tate fu spogliata, poi impiccata e assassinata con sedici pugnalate; gli assassini usarono il suo sangue per dipingere la scritta “Pig” ed “Helter Skelter” sulle pareti della casa.
Questa vicenda è realmente accaduta nella Hollywood di fine anni sessanta, l’ho descritta per farvi capire quanto questi “Saggi” spingano i propri adepti a compiere orribili azioni criminali.
Mason segnò un’epoca, le stragi compiute ad Hollywood dai suoi discepoli, segnarono con il sangue l’era dei figli dei fiori.


La Nuova Italia!

[Ogni cosa descritta è frutto della mente dell’autore, vieto il mio consenso alla copia e riproduzione da parte di terzi.
Il brano è unicamente scritto per costruire l’archetipo criminale del Saggio, mi dissocio da ogni forma di violenza.
Mi dissocio da ogni forma di fascismo, sia come cittadino antifascista che come uomo di estrema sinistra.]


Guardandoli li vedo per come sono: soli, infimi, disagiati, esclusi, devastati e ingobliniti.
Perfetti. Esseri perfetti in mondo malato, esseri perfetti pronti a ricostruire il nuovo mondo.

Dodici. Dodici come gli apostoli e siamo tutti rifugiati in questa casa in montagna, lontani da occhi indiscreti.
Respiro affondo e metto le mani dietro la schiena. «Buona sera camerati.»
Tutti si alzano di scatto e fanno il saluto romano.

«Sii virtuoso, sii fedele, sii obbediente, sii fascista» urlarono all’unisono tutti loro, disposti a ferro di cavallo attorno ad una croce celtica.
Accendo la televisione e la metto sul telegiornale che trasmetteva
un servizio su Emanuela Rosi, una ragazza stuprata, brutalmente uccisa con 20 coltellate, e Mario Vespucci, Luigi Tedesco e Dario Monizzi massacrati a colpi di pistola. Tutti ritrovate in un canale di scolo.
«Fabio,
Mattero venite avanti» e il ragazzo moro dagli occhi verdi e il biondo vengono verso di me, con un sorriso radioso appoggio le mani sulle loro spalle
«Brav
i.
Tutti voi dovete prendere il
loro esempio, hanno fatto il primo passo e reso onore a noi e a se stessi. Quella ragazza meritava una punizione; aveva abortito, se la faceva con gli inetti, gli inutili, drogati, coi mangia kebab e con i cani negri.
Poi quei ragazzi… Non uomini, ecco cosa sono. Praticanti della sodomia più disgustosa.

Hanno compiuto il primo passo vero la futura e nuova Italia fascista.
Ogni giorno veniamo invasi da scimmie, quei popoli che abbiamo cercato di civilizzare inutilmente ora vogliono invaderci rubandoci il lavoro e ciò che vi è più caro.
I traditori della patria, ormai vecchi, girano per il paese impuniti.
Le donne che si ribellano al loro ruolo dato da Dio perché vogliono essere “libere”.
Libere di sottomettervi e di cancellare la virilità dell’uomo, ecco qual è la verità.

Figli che si ribellano all’autorità del padre diventando bestie, tossicodipendenti e misere zecche che frequentano i centri sociali.
La Nuova Italia è questa: un paese ripulito da tale marciume, la violenza è un atto necessario. Noi siamo una famiglia, una famiglia che ha il compito di prendere in eredità il paese futuro.»
Passo davanti al gruppo guardandoli uno per uno.

Ma guarda… come sono lì tutti impettiti, tutti orgogliosi di far parte di questa organizzazione. Sono stato abile a convincerli, loro sono MIEI.
Sono discepoli e con loro devasteremo questo paese, piegando la volontà delle persone deboli.
«Io vi ho accolto quando eravate devastati, emarginati e vi ho resi forti, invincibili.
Quello che vi ho dato è una vita nuova, una vita nuova che vi permetterà di vivere in un paese nuovo. Pulirete il mondo insieme a me?»
«Sì nostro signore! Sì Alto Cancelliere!»
«Allora con la benedizione di Dio, ciò che dobbiamo fare sarà compiuto.»

Pubblicato da MisterSigurd

Scrittore a tempo perso, mi piacciono i libri e il cinema. Mi piace parlarne facendo quattro chiacchere e scambiando qualche opinione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: